Antitrust, istruttorie su sette fornitori energia su modifiche unilaterali prezzi gas, luce

L’Antitrust ha avviato sette procedimenti istruttori e ha deciso altrettanti provvedimenti cautelari nei confronti delle principali società fornitrici di energia elettrica e di gas naturale sul mercato libero

 

Alle società Enel, Eni, Hera, A2A, Edison, Acea ed Engie, che rappresentano circa l’80% del mercato, l’autorità contesta presunte modifiche unilaterali illegittime del prezzo di fornitura di energia elettrica e di gas naturale.

Antitrust indaga sulle proposte di modifica del prezzo di fornitura di energia elettrica e di gas naturale e le successive proposte di rinnovo delle condizioni contrattuali, in contrasto con il decreto Aiuti bis che sospende, dal 10 agosto fino al 30 aprile 2023, modifiche ai prezzi per tutelare i consumatori contro il caro-energia.

Alle sette società viene contestata la mancata sospensione delle comunicazioni di proposta di modifica unilaterale delle condizioni economiche, inviate prima del 10 agosto 2022 e, in seguito, le proposte di aggiornamento o di rinnovo dei prezzi di fornitura, di carattere peggiorativo, giustificate sulla base della asserita scadenza delle offerte a prezzo fisso.

Stando a quanto viene specificato in una nota, le imprese dovranno sospendere l’applicazione delle nuove condizioni economiche, mantenendo o ripristinando i prezzi praticati prima del 10 agosto 2022 e, inoltre, dovranno comunicare all’Autorità le misure che adotteranno al riguardo.

Entro sette giorni, le imprese potranno difendersi e l’Autorità potrà confermare o meno i provvedimenti cautelari.

 

 

Fonte:www.reuters.com