Bce e UniCredit in contrasto su piani di capitale e presenza in Russia

La Banca Centrale Europea e UniCredit sono in contrasto sui piani dell’istituto di credito italiano di restituire contanti agli azionisti e sulla sua mancata uscita dalla Russia

 

È quanto riportato ieri dal Financial Times.

La Bce aveva contestato l’impegno di UniCredit a distribuire 16 miliardi di euro agli azionisti entro il 2024, affermando che la mossa era contraria alla guidance ufficiale secondo cui “le banche non dovrebbero fissare le loro politiche sui dividendi in termini di importi assoluti”.

Secondo il quotidiano, ci sarebbe tensione anche per il mancato taglio dei legami con la Russia da parte di UniCredit, in quanto la Bce considera la presenza in Russia della banca come una sgradita fonte di rischio, e ha fatto pressioni affinché la banca si ritiri dal Paese.

Il mese scorso UniCredit ha detto di aspettarsi un contributo di 400 milioni di euro dai fondi a più lungo termine della Bce quest’anno, in base alle nuove condizioni della banca centrale, mentre non vede più alcun potenziale beneficio per l’anno prossimo.

La Bce e UniCredit non hanno lasciato alcun commento.

 

 

Fonte:www.reuters.com