Borse in rialzo, il mercato ormai scommette che la Fed taglierà i tassi nel 2024

Borse in rialzo, il mercato ormai scommette che la Fed taglierà i tassi nel 2024

Avvio in positivo per i principali listini del Vecchio Continente, con gli investitori che attendono il dato sull’inflazione americana e le prossime mosse della Fed. In calo il rendimento del Treasury Usa

 

Le Borse europee iniziano la giornata in verde: a Milano il Ftse Mib dopo i primi minuti di contrattazione segna +0,20%, il Dax di Francoforte +0,40%, il Cac 40 di Parigi +0,20%, l’Ibex 35 di Madrid +0,48% e il Ftse 100 di Londra -0,38%.

A Piazza Affari Saipem segna +2% in apertura. Bene anche Inwit (+1,6%), in coda Campari (-2,1%).

Si preannuncia una giornata fitta di appuntamenti macro, iniziando dagli indicatori di fiducia dell’Eurozona, all’inflazione di Germania e Spagna, passando per l’outlook economico dell’Ocse, fino ai dati sul Pil del terzo trimestre negli Usa.

Domani arriverà il dato più atteso sull’inflazione Pce Usa, con il focus sulle decisioni delle banche centrali, con i riflettori puntati sul Beige Book della Federal Reserve. Venerdì è in programma un intervento del governatore della Federal Reserve, Jerome Powell. Le recenti dichiarazioni della banca centrale Usa fanno pensare che i tassi resteranno fermi almeno fino alla fine dell’anno.

Passando al versante valutario, il dollaro ieri si è indebolito, in seguito al calo dei rendimenti dei Treasury, con l’euro che scambia a 1,098 dollari. Poco mosso il prezzo del petrolio, con il Wti scadenza gennaio che sale dello 0,1% a 76,49 dollari al barile, mentre il Brent di pari scadenza tratta a 81,66 dollari al barile (-0,02%). Il gas naturale ad Amsterdam perde il 2% a 43,1 euro per megawattora. Lo spread apre a 176 punti base, con il rendimento del decennale italiano poco mosso al 4,2%.

 

 

Fonte:www.financialounge.com