Cina, riapertura Covid spinge mercati asiatici ed europei

È prevista, nell’ultima seduta settimanale e prima della pubblicazione dell’atteso rapporto ufficiale sull’occupazione negli Stati Uniti, un’apertura in rialzo per i mercati azionari europei, favoriti dalle speranze di riapertura della Cina

 

Al momento, il contratto DAX futures in Germania è salito dello 0,6%, CAC 40 futures in Francia è salito dello 0,6% e il contratto FTSE 100 futures nel Regno Unito è salito dello 0,7%.

L’indice Hang Seng index di Hong Kong ha guadagnato circa il 5,2%, mentre l’indice cinese blue-chip Shanghai Shanghai Shenzhen CSI 300 è salito del 3,2% e l’indice Shanghai Composite del 2,4%, entrambi ai massimi da tre settimane.

Un report pubblicato all’inizio della settimana ha suggerito che il governo cinese sta formando un comitato speciale per valutare il ridimensionamento della politica zero-COVID. La notizia è stata smentita dalle autorità cinesi, ma venerdì sono circolate nuove voci secondo cui questa politica subirà presto un cambiamento sostanziale.

Tale cambiamento sarebbe positivo per l’economia globale, ma è probabile che i vantaggi siano limitati in Europa, con gli investitori che rimangono ancora cauti riguardo all’impatto dell’aggressiva stretta monetaria della Federal Reserve statunitense.

Nel corso della sessione è previsto l’aggiornamento sulle buste paga degli Stati Uniti, che dovrebbe mostrare un aumento di 200.000 posti di lavoro nel mese di ottobre. Una sorpresa al rialzo potrebbe sancire un altro forte rialzo della Fed a dicembre.

In Europa, gli ordini di fabbrica tedeschi hanno registrato un pesante calo del 4,0% sul mese di settembre, in quanto la più grande economia dell’Eurozona ha dovuto far fronte all’impennata dei prezzi dell’energia.

I dati definitivi sull’attività di ottobre di produzione e servizi per l’Eurozona sono previsti nel corso della sessione.

 

 

Fonte:www.investing.com