Cina sollecita azioni concrete Usa su sanzioni dopo colloqui Yellen

Cina sollecita azioni concrete Usa su sanzioni dopo colloqui Yellen

È quanto si legge in un comunicato del ministero delle Finanze cinese

 

La Cina ha invitato gli Stati Uniti a intraprendere azioni concrete in risposta alle sue forti preoccupazioni sulle sanzioni alle imprese cinesi, dopo che la segretaria al Tesoro statunitense Janet Yellen ha concluso oltre 10 ore di incontri con alti funzionari a Pechino.

Inoltre, come ha sottolineato il ministero delle Finanze cinese nel comunicato, la Cina ha anche chiesto agli Stati Uniti di “cessare la soppressione delle imprese cinesi, eliminare i divieti sui prodotti legati allo Xinjiang e adottare misure concrete per rispondere alle principali preoccupazioni della Cina nelle relazioni economiche tra i due Paesi”.

Gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni ad alcune aziende per l’utilizzo di lavoro forzato nella regione estremo-occidentale dello Xinjiang.

Pechino nega l’uso del lavoro forzato e qualsiasi altro abuso in quella regione.

Il ministero ha detto che la Cina ritiene che il suo sviluppo sia un’opportunità piuttosto che un rischio per gli Stati Uniti e che “il rafforzamento della cooperazione tra Cina e Stati Uniti è una necessità realistica e la scelta corretta dei due Paesi”.

Yellen ha lasciato Pechino ieri dopo una visita di quattro giorni, descrivendo gli incontri bilaterali con gli alti funzionari cinesi come “diretti, sostanziali e produttivi”, in linea con il resoconto dei colloqui della Cina.

 

 

Fonte:www.reuters.com