Cosa seguire sui mercati questa settimana?

Ecco gli eventi da seguire questa settimana: NFP, interventi Fed, azioni del settore retail, inflazione Ue e caos Covid in Cina

 

Il primo evento da seguire questa settimana riguarda il report NFP sull’occupazione non agricola. Gli economisti si aspettano che l’economia statunitense abbia aggiunto 200.000 nuovi posti di lavoro, in quello che sarebbe l’aumento minore dal dicembre 2020. Il report, inoltre, dovrebbe anche mostrare una moderazione della crescita della retribuzione oraria media, mentre il tasso di disoccupazione dovrebbe rimanere stabile appena al di sopra del minimo da cinque decenni al 3,7%.

Secondo evento da seguire: interventi dalla Fed. Occhi puntati sulle dichiarazioni del presidente della Fed Jerome Powell a metà settimana. Intanto, per oggi si attendono gli interventi del Presidente della Fed di St. Louis James Bullard e del Presidente della Fed di New York John Williams.

Il terzo evento da seguire questa settimana sui mercati riguarda le azioni del settore retail. Secondo un rapporto pubblicato sabato da Adobe Analytics, gli acquisti online sono aumentati del 2,3%, raggiungendo la cifra record di 9,12 miliardi di dollari nel giorno del Black Friday, ma l’aumento percentuale è stato ben al di sotto del tasso d’inflazione annuo, che attualmente si attesta sul 7,7%. I titoli del settore retail negli USA sono diventati un barometro della fiducia dei consumatori mentre l’inflazione continua a farsi sentire. Finora, quest’anno, l’indice S&P 500 retail è sceso di poco più del 30%, mentre l’S&P 500 è sceso del 15%.

Quarto evento: inflazione Ue. L’IPC della zona euro ha raggiunto il 10,6% in ottobre, più di cinque volte l’obiettivo del 2% della Banca Centrale Europea. Nella riunione di ottobre, la BCE ha aumentato i tassi di 75 punti base all’1,5%, portando il totale dei rialzi a 200 punti base da luglio, per la più rapida stretta politica mai registrata. Il mercato adesso si aspetta un aumento tra 50 e 75 punti base quando i policymaker della Banca Centrale Europea si riuniranno il 15 dicembre.

Infine, PMI cinese. Mentre la Cina è alle prese con un numero record di casi di COVID-19 e con nuovi lockdown, si sono affievolite le speranze di una riapertura della seconda economia mondiale nel primo trimestre del 2023. I dati PMI di mercoledì saranno seguiti con attenzione, dato che le restrizioni contro il COVID continuano a pesare sull’attività economica.

 

 

Fonte:www.investing.com