Eurozona: inflazione core non rallenta, indice generale inferiore al 7%

Eurozona: inflazione core non rallenta, indice generale inferiore al 7%

Inflazione core Eurozona non rallenta

 

Come da attese, il tasso annuale dell’inflazione nell’Eurozona è diminuito al 6,9% a marzo, rispetto all’8,5% registrato a marzo, mentre il tasso core (esclusi cibo e alimentari) è aumentato al 5,7% dal precedente 5,6%.

In aumento anche il dato mensile, +0,9% (come previsto dal consenso) dal +0,8% di febbraio.

Intanto, aumenta l’incertezza circa il percorso che intraprenderà la Bce sui tassi d’interesse.

Nei giorni scorsi, l’agenzia Reuters ha riportato che i membri del consiglio direttivo Bce stanno convergendo su un aumento dei tassi di interesse di 25 punti base a maggio, anche se non sono escluse altre opzioni.

Dopo che la Bce ha aumentato i tassi di almeno 50 punti base in sei riunioni consecutive, il ritmo più veloce mai registrato, diversi banchieri hanno sostenuto un altro aumento dello 0,5% a maggio.

Per la riunione di giugno, invece, è tutto ancora più incerto. I mercati degli swaps prezzano due aumenti da 25 punti base a maggio e giugno e un terzo analogo entro settembre, ma dai banchieri di Francoforte sono emerse opinioni contrastanti a riguardo.

Dopo la lettura dell’IPC, EUR/USD è in calo dello 0,3% a 1,0936, e STOXX 600 in ribasso dello 0,4%.

 

 

Fonte:www.investing.com