Forex, dollaro si apprezza dopo dati su inflazione Usa persistente

Il dollaro guadagna sulla scia dei dati sui prezzi al consumo negli Stati Uniti, ancora ostinatamente alti, e degli interventi “hawkish” in materia di tassi di interesse da parte dei funzionari della Federal Reserve

 

L’inflazione negli Stati Uniti è cresciuta a livello congiunturale a gennaio, con un rialzo dello 0,5% in linea con le attese, su cui hanno pesato anche costi più alti di affitto e generi alimentari.

Su base annua, i prezzi al consumo sono saliti del 6,4%, in calo rispetto al 6,5% di dicembre, ma al di sopra delle aspettative degli economisti che avevano previsto un incremento del 6,2%.

Il dollaro guadagna rispetto alla maggior parte delle valute principali, con l’euro in calo dello 0,12% a 1,072 dollari. L’euro aveva toccato un massimo di 10 mesi a 1,103 dollari il 2 febbraio, ma da allora è sceso.

A dicembre, la proiezione mediana dei membri del consiglio della Fed prevedeva che i tassi d’interesse avrebbero raggiunto un picco del 5,1% quest’anno.

Ma i mercati dei futures sui tassi d’interesse ora prezzano un picco superiore al 5,2% e gli operatori sono meno sicuri che i tagli dei tassi d’interesse arrivino nel 2023. Attualmente i tassi si attestano tra il 4,5% e il 4,75%.

L’indice del dollaro statunitense sale dello 0,23% a 103,472 contro un paniere di sei valute dopo la chiusura quasi piatta di ieri.

La sterlina perde lo 0,76% a 1,208 dollari dopo che l’inflazione britannica è diminuita più del previsto a gennaio al 10,1%, alleviando in parte la pressione su Bank of England affinché continui ad aumentare i tassi.

 

 

Fonte:www.reuters.com