Le Borse europee aprono in rialzo la settimana del Forum di Davos

Avvio sopra la parità per i principali listini del Vecchio Continente, con gli investitori in attesa di segnali sull’economia per valutare l’entità di una probabile recessione negli Usa. Gas ancora in calo, rallenta anche il petrolio

 

Le Borse europee iniziano la settimana di contrattazioni in territorio positivo, con Wall Street che oggi resterà chiusa per festività. A Milano il Ftse Mib apre a +0,46%, il Cac 40 di Parigi a +0,29%, il Dax di Francoforte a +0,17%, l’Ibex 35 di Madrid a +0,35% e il Ftse 100 di Londra a +0,00%. La Borsa di Tokyo chiude in calo, con l’indice Nikkei a -1,1%, per il forte apprezzamento dello yen nelle ultime sedute.

L’attenzione degli investitori resta sui numeri delle trimestrali, con la stagione che si è aperta venerdì scorso in Usa.

Si apre a Davos il World Economic Forum al quale parteciperanno 52 capi di Stato e di governo e 19 banchieri centrali. Sul versante energetico, il gas scende a 62,7 euro al megawattora (-3%), mentre sul fronte del greggio il prezzo del Brent scadenza marzo cala dello 0,83% a 84,57 dollari al barile, mentre il Wti scambia a 79,35 dollari al barile (-0,64%).

Spostandoci sul valutario, l’euro scambia a 1,0837 dollari, in lieve rialzo rispetto alla chiusura di venerdì (1,0822 dollari), quando lo yen si è rafforzato sia sulla moneta unica sia sul dollaro. Lo spread apre in lieve rialzo a 182 punti base, stabile il rendimento del decennale italiano al 3,99%.

 

 

Fonte:www.financialounge.com