Microsoft, giù le stime a causa del “più forte declino dei PC in 2 decenni”

Il Credit Suisse ha abbassato mercoledì le stime per Microsoft, affermando che gli elevati livelli di scorte e l’incertezza economica stanno determinando il “più forte declino dei PC in due decenni”

 

“IDC e Gartner hanno pubblicato i dati sulle spedizioni di PC per il terzo trimestre del 2022, mostrando un rallentamento storico del mercato dei PC. Gartner (sell-through) e IDC (sell-through) e IDC (sell-in) hanno riportato un calo delle spedizioni del 19,5% e del 15,0% su base annua per il terzo trimestre, rispettivamente, rispetto al calo del 12,6% e del 15,3% su base annua del secondo trimestre e rispetto agli aumenti dell’1,0% e del 3,9% del terzo trimestre 2021”, hanno scritto gli analisti del Credit Suisse.

“In confronto, il management di Microsoft Corporation ha fornito una guidance per il fatturato OEM di Windows per il trimestre di settembre, che prevede un calo a una sola cifra. Le stime di consenso per la crescita dei ricavi OEM di Windows prevedono attualmente un calo dell’8,0% a/a”, hanno poi aggiunto.

Gli analisti hanno scritto che le stime per il trimestre di settembre rappresentano il più forte calo del mercato da quando Gartner ha iniziato a monitorare il mercato dei PC e il quarto trimestre consecutivo di cali su base annua.

Anche se le difficoltà e le interruzioni della catena di approvvigionamento si sono attenuate, il mercato dei PC “si trova ora ad affrontare livelli di scorte crescenti, combinati con un indebolimento della domanda sia nel settore consumer che in quello enterprise”.

“Per riflettere il significativo deterioramento dell’andamento delle spedizioni di PC, il peggioramento dell’ambiente macroeconomico e l’aumento dei venti di cambio, rivediamo le nostre stime di fatturato/EPS per l’anno fiscale 2023/FY2024 a 216,8/ 252,1 miliardi di dollari e 9,78/12,27 dollari, rispettivamente da 221,1/ 257,2 miliardi di dollari e 10,05/12,49 dollari”, ha confermato Credit Suisse.

 

 

Fonte:www.benzinga.com