Titoli asiatici crollano per l’escalation Iran-Israele ed avvertimenti sui tassi di interesse

Titoli asiatici crollano per l’escalation Iran-Israele ed avvertimenti sui tassi di interesse

La maggior parte dei titoli asiatici è scesa bruscamente venerdì in seguito alle notizie sugli attacchi israeliani all’Iran che hanno fatto crescere ulteriormente le preoccupazioni per il peggioramento delle condizioni geopolitiche in Medio Oriente

 

I notiziari iraniani hanno riportato la notizia di esplosioni in Iran, aumentando i timori che Israele abbia reagito contro Teheran in seguito a un attacco avvenuto la settimana scorsa.

I media hanno anche affermato che le esplosioni erano vicine agli impianti nucleari iraniani di Isfahan, il che potrebbe segnare una grave escalation nel conflitto mediorientale.

Le notizie di esplosioni in Iran hanno fortemente frenano la propensione al rischio, provocando ampie perdite sui mercati asiatici. I titoli giapponesi sono stati i più colpiti, con l’indice Nikkei 225 che ha perso il 3,4%, mentre il TOPIX ha perso il 2,3%.

L’indice australiano ASX 200 ha perso quasi il 2%, mentre le perdite dei titoli tecnologici più importanti hanno trascinato l’indice sudcoreano KOSPI in calo del 3,1%.

Le perdite in Cina sono state in qualche modo limitate dal persistente ottimismo su ulteriori misure di stimolo. Gli indici Shanghai Shenzhen CSI 300 e Shanghai Composite hanno perso rispettivamente lo 0,6% e lo 0,12%.

Ma le perdite nel settore tecnologico hanno trascinato l’indice Hang Seng di Hong Kong al ribasso dell’1,5%.

I futures sull’indice indiano Nifty 50 indicano un’apertura negativa, con l’indice che probabilmente seguirà i ribassi dei suoi omologhi regionali.

I titoli tecnologici sono stati i peggiori in Asia venerdì, con i produttori di chip in testa alle perdite dopo che il peso massimo TSMC ha ridotto le sue prospettive di espansione nel settore dei chip per quest’anno. Il titolo è crollato di oltre il 6% negli scambi a Taiwan.

 

 

Fonte:www.investing.com