Yen sotto il livello di 146, atteso intervento di Tokyo

Questo mercoledì lo yen giapponese ha toccato un nuovo minimo di 24 anni contro il dollaro, aumentando le aspettative di un ulteriore intervento sul mercato valutario da parte di Tokyo a sostegno della valuta

 

Lo yen è sceso dello 0,3% a 146,32 contro il dollaro, il livello più debole dalla crisi finanziaria asiatica di fine anni ’90, superando anche i livelli che avevano spinto il governo giapponese a intervenire sui mercati valutari il mese scorso.

Gli operatori si aspettano ora un’ulteriore vendita di dollari da parte del governo giapponese per sostenere lo yen, dato che il ministro delle Finanze Shunichi Suzuki ha recentemente indicato che un ulteriore indebolimento della valuta non sarà tollerato.

Lo yen è ora a pochi punti dal superare quota 147 per toccare il livello più debole dal 1990, uno scenario che si prevede preannunci ulteriori problemi per l’economia giapponese.

Finora la Banca del Giappone si è mostrata poco propensa ad alzare i tassi dai livelli ultra-bassi, per via delle conseguenze della pandemia COVID-19.

La pressione sullo yen è aumentata nella notte dopo che il Fondo Monetario Internazionale ha tagliato le previsioni di crescita economica globale per il 2023 e ha messo in guardia da una potenziale recessione. Questo ha spinto la richiesta di dollaro come valuta rifugio.

L’indice del dollaro è salito dello 0,2% mercoledì, rimanendo appena al di sotto dei massimi di 20 anni toccati il mese scorso.

Quest’anno lo yen ha perso ampiamente la sua posizione di bene rifugio nei confronti del dollaro, a causa della crescente spaccatura dei tassi di interesse. La valuta giapponese è scesa di oltre il 27% quest’anno.

 

 

Fonte:www.reuters.com